Condannati per associazione mafiosa, beneficiavano del reddito di cittadinanza

Operazione della Guadia di Finanza

ENNA – (Giulia Di Martino) – Scoprire chi prende, indebitamente, il reddito di cittadinanza. C’ha lavorato la guardia di finanza nell’ennese, mettendo nel mirino, a tutela della spesa pubblica, contro le indebite percezioni dei pubblici sussidi. Una articolata e complessa analisi per individuare condotte penalmente rilevanti. In particolare, vagliate le posizioni di gente condannata, con sentenze passate in giudicato, per mafia per e verificarne la legittimità delle istanze inoltrate. Si è appurato che parte dei percettori o dei componenti del nucleo familiare -riconosciuti quali affiliati alle consorterie criminali- risultavano aver richiesto ed ottenuto il sussidio, senza i requisiti previsti dal provvedimento normativo; altri, invece, hanno scientemente omesso di fornire informazioni utili per una corretta determinazione dell’ammontare del beneficio. Al termine degli accertamenti, è arrivata la denuncia di 5 appartenenti alla criminalità organizzata, originari della provincia. Sono stati denunciati alla procura, diretta da Massimo PALMERI e, contestualmente, segnalati all’Inps per il procedimento di revoca degli indebiti benefici ottenuti e il conseguente recupero delle somme già erogate, complessivamente 70 mila euro. L’inchiesta, denominata ‘Brick’, testimonia l’approccio multidisciplinare e trasversale dell’azione della Guardia di Finanza, a favore dei cittadini onesti perché queste misure di contrasto alla povertà, siano effettivamente destinate alle fasce più deboli e bisognose e non appannaggio di individui al di fuori della cornice della legalità. Già nei giorni scorsi, infatti, con l’operazione “Inside”, il Comando Provinciale di Enna aveva analizzato la posizione di numerosi “imprenditori agricoli” che, senza i requisiti di legge, beneficiavano del sussidio, denunciando  36 persone e avviando il recupero di 200 mila euro

Leggi tutto

Trasferiva valuta all’estero, scoperto al porto di Palermo

Gdf ferma tunisino con 13.500 euro in contanti, sanzionato

PALERMO – I Finanzieri del 1° Nucleo Operativo Metropolitano, in collaborazione con i funzionari dell’Ufficio delle Dogane, hanno effettuato presso la cosiddetta area “Extra – Schengen” del porto di Palermo riservata ai controlli di persone, veicoli e merci in partenza verso l’estero, un controllo di natura valutaria nei confronti di tunisino residente in Sardegna.

Leggi tutto

Operazione anticontrabbando della GdF

Arrestate 9 persone

La guardia di finanza in un’operazione anti contrabbando ha arrestato 9 persone: si tratta di un italiano, due libici e sei egiziani. Le Fiamme Gialle hanno sequestrato due motopescherecci, uno tunisino ed uno mazarese, e circa 6 tonnellate e mezzo di tabacchi lavorati esteri.L’operazione è scattata il 24 agosto scorso dopo che un aereo ATR42 del gruppo di Esplorazione marittima della guardia di finanza di Pratica di Mare, in servizio di ricognizione nel canale di Sicilia, ha rilevato il trasbordo di numerosi colli tra un peschereccio d’altura ed uno più piccolo, poco fuori le acque territoriali antistanti la località di Tre Fontane, in provincia di Trapani.

Leggi tutto
TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica