Palermo, weekend di Pasqua con lo scirocco

PALERMO  (Giulia Di Martino)- Ci sono buone possibilità che il fine settimana pasquale sia segnato dal bel tempo in Sicilia. Dalle previsioni sembra infatti che da domani la situazione climatica inizia a cambiare quando in tutto il Paese ci sarà un vero e proprio ribaltone termico che in Sicilia si trasformerà in scirocco.  Sono tutto sommato confrontanti le previsioni per il giorno di Pasqua con sole e qualche perturbazione sparsa e temperature al di sopra delle medie stagionali  caratterizzate , come dicevamo dallo scirocco, che potrebbe rovinare la giornata di pasquetta con forte vento e piogge. Una primavera 2019 certamente molto  capricciosa soprattutto per quanti vorrebbero approfittare del mega ponte tra pasqua ed il primo maggio Ed il meteo in questo senso non aiuta perché per tutto il mese di aprile continuerà ad   alternare temperature al di sopra le medie stagionali a forti cali e temporali. La situazione  cambierà nella  seconda parte del mese di maggio  quando scoppierà l’estate senza aver vissuto la primavera: “ non ci sono più le mezze stagioni” è il caso di dirlo!

 

Leggi tutto

Maltempo in tutta la Sicilia

PALERMO  (Giulia di Martino) – La  Sicilia resta  nella morsa del maltempo. Fino alle 24 di stasera si registra un alto livello di criticità in tutta l’isola. Rischio idrogeologico e idraulico per temporali nei Comuni  del versante tirrenico e  ionico. Le precipitazioni infatti saranno intense per tutto la giornata a prevalente carattere temporalesco specie sui settori settentrionali e orientali. I fenomeni sono accompagnati da rovesci di forte intensità locali, grandinate e forti raffiche di vento con  mareggiate lungo le coste esposte.  La zona occidentale della Sicilia già da stanotte è stata fortemente colpita dal maltempo. Allagamenti e interventi dei vigili del fuoco nella parte orientale di Palermo. La pioggia caduta intensamente ha provocato disagi agli automobilisti nella zona di via Messina Marine, via Imera, corso Re Ruggero, la zona dell’ospedale Policlinico e in viale Regione Siciliana. Diversi gli interventi dei pompieri per liberare gli automobilisti bloccati dentro le auto con l’acqua che rischiava di entrare dentro l’abitacolo. Le abbondanti piogge stanno creando allarmi anche in provincia di Palermo. Il torrente Milicia che la notte del 4 novembre scorso straripò uccidendo nove persone che si trovavano nella zona in una villetta abusiva torna a farsi minaccioso. Anche questa mattina i vigili del fuoco sono nella zona per assistere diversi automobilisti bloccati e per cercare di monitorare l’area. Interventi per allagamenti anche a Misilmeri, Ficarazzi e a San Giuseppe Jato. Allerta meteo anche a Trapani dove è stata disposta la chiusura delle ville comunali. Disagi sulla A18, Catania-Messina.  La forte pioggia caduta nella notte ha creato delle buche nell’asfalto che hanno provocato danni a diverse automobili.  Per mettere in sicurezza la strada e’ stato chiuso lo svincolo di Taormina e bloccato il tratto tra Giardini Naxos e Roccalumera, in direzione Catania-Messina. I lavori  sono  ancora in corso per il ripristino della circolazione. Nel catanese molte scuole  oggi sono rimaste chiuse. A causa dell’allerta diramata dalla protezione civile i  Comuni di Mascali, Aci Catena, Calatabiano, Valverde e Aci Castello, nel Catanese, hanno deciso di sospendere le lezioni. Un’ora abbondante di pioggia è servita ad allagare interi quartieri a Siracusa, Decine le chiamate di soccorso ai vigili del fuoco per allagamenti soprattutto nei piani bassi. Situazione critica anche a Floridia e Solarino e nella zona sud, da Avola a Noto, fino Pachino. Domani la situazione migliora.  Cieli saranno in prevalenza poco o parzialmente nuvolosi per l’intera giornata, non sono previste piogge.

 

Leggi tutto

Ex Province verso il fallimento? Lettera dei commissari alla Regione

PALERMO (Di Giulia Di Martino) – La situazione si è fatta pesante sulle ex Province in Sicilia. Gli enti  vivono da tempo un vero e prporio stato di emergenza. Per i Commissari la misura è colma, si va verso il default denunciano in coro. I commissari  si sono praticamente arresi  allo stato di difficoltà e con una  nota indirizzata al Governo regionale segnalano l’impossibilità di fare il Bilancio e si discono  pronti  a dichiarare fallimento.  Il documento, in realtà è molto articolato, è l’ultimo atto di una disperata caccia ai finanziamenti. Resa ancora più disperata perché anche i soldi promessi dalla Regione sono di fatti serviti solo a pagare il balzello che lo Stato ha imposto per ripianare il proprio bilancio. Al default manca poco più di un mese,  il 31 ottobre sarà inevitabile.  Tutti i commissari di Liberi Consorzi e Città Metropolitane  sottolineano “la necessità che le manovre di finanza pubblica nazionale vengano compensate integralmente dai trasferimenti regioanli in quanrto per garantire gli equilibri di Bilancio pluriennale  non è possibile ridurre ulteriormente la spesa corrente”. Il documento si chiude  con la conferma che “non sarà possibile” predisporre qualsiasi proposta di bilancio”. Per questoi i commissari chiesdono uno stanziamento straordinario di 300 milioni nel triennio. Ma cosa risponde l’assessore Regionale Getano Armao ai commissari? Ora i commissari  delle Ex provice chiedono  di potere discutere dell’emergenza Ex Province direttamente col presidente  Musumeci

 

 

Leggi tutto
TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica