Grande festa a Modica per il patrono San Pietro

MODICA (di Elisa Montagno) – Una processione molto partecipata. Con numerosi fedeli e devoti a fare da cornice. E con il grande entusiasmo dei modicani emerso, ancora una volta, nei confronti del patrono. Ieri sera è stato il momento clou della festa di San Pietro apostolo con l’artistico simulacro del Civitelli che è uscito dalla chiesa Madre salutato dal giubilo di centinaia di persone che hanno voluto così sottolineare la propria attenzione nei confronti di una manifestazione religiosa che appartiene al senso di comunità dell’intera città di Modica. Anche quest’anno, poi, si è registrata la processione congiunta dei simulacri dei santi apostoli (ieri cadeva anche la solennità di San Paolo) che ha fornito all’evento un motivo di interesse in più. Già giovedì sera c’era stata la traslazione del simulacro di San Paolo. E ieri sera, subito dopo la solenne concelebrazione eucaristica presieduta da mons. Corrado Lorefice, arcivescovo metropolita di Palermo, i due simulacri sono usciti dalla chiesa Madre ed è stato dato il via alla processione lungo corso Umberto, animata da migliaia di persone presenti in occasione del giorno di festa. La processione è proseguita per via Marchesa Tedeschi con una prima sosta a Santa Maria. Poi, ha fatto ritorno per corso Umberto verso piazza Matteotti e quindi la chiesa di San Paolo dove si è registrata un’altra sosta. La processione è stata accompagnata dalla civica filarmonica Città di Modica diretta dal maestro Francesco Di Pietro. Alla fine, quindi, lo spettacolo pirotecnico, molto apprezzato, e il rientro in chiesa Madre del simulacro di San Pietro che ha chiuso un’edizione dei festeggiamenti tra le più riuscite di questi ultimi anni. Quest’anno, insomma, la comune memoria dei due apostoli, Pietro e Paolo, esprime, anche nella festa, il cammino di unità delle comunità credenti, la cui sorgente resta l’unica mensa eucaristica. E’ stato questo il messaggio che i sacerdoti fra’ Antonello Abbate, parroco dell’arcipretura di San Pietro, don Rosario Rabbito, parroco di San Paolo, e fra’ Emanuele Cosentini hanno deciso di rivolgere alla comunità in occasione dei giorni dedicati alla festa del patrono di Modica caratterizzata da un programma liturgico ricco di contenuti. La partecipazione poi di mons. Lorefice ha reso l’appuntamento spirituale ancora più significativo. La solenne concelebrazione eucaristica, infatti, si è tenuta in una chiesa Madre gremita di fedeli.
Leggi tutto

Festa di san Pietro apostolo al via le celebrazioni a Modica

MODICA (di Elisa Montagno) – Con la discesa del simulacro, dopo la celebrazione eucaristica mattutina di domenica scorsa, hanno preso il via i festeggiamenti in onore di San Pietro, patrono di Modica. E’ stato il parroco dell’arcipretura, fra’ Antonello Abbate, a sovrintendere al rito e a lanciare ai fedeli il messaggio che caratterizzerà le celebrazioni di quest’anno. “La scena di questo mondo, così complesso e frammentato, sebbene globalizzato – sottolinea fra’ Abbate assieme a don Rosario Rabbito, parroco di San Paolo, e a fra’ Emanuele Cosentini – ci interpella e ci chiede la viva testimonianza della comunione, la sola a rendere credibile la nostra fede; oggi, più che mai, alla Chiesa è richiesta coerenza tra ciò che professa e ciò che vive. Anche quest’anno, dunque, esprimiamo, nel clima gioioso della festa, l’impegno all’unità che ci viene dalla comune memoria dei due apostoli”. La festa di San Pietro è volutamente associata alla celebrazione in onore di San Paolo, seppure quest’ultima con tradizione minore rispetto alle celebrazioni per il patrono. Ecco perché, domenica scorsa, nel pomeriggio, c’è stata pure, nella chiesa omonima, la discesa del simulacro di San Paolo con la celebrazione eucaristica. “Erano due apostoli – aggiungono i sacerdoti – profondamente diversi per temperamento e missione, eppure così uniti in Cristo e capaci di reggere la storia dei credenti. Come ogni nostra iniziativa pastorale, anche questo tempo di festa trae la propria origine e la propria ragione dalla sorgiva esperienza della mensa eucaristica, unica fonte di vita nuova, unico vero ponte tra il passato, il presente e il futuro della Chiesa, unica scuola di comunione e di carità, unico polo di attrazione ed unico centro di propulsione. Ecco perché chiediamo al Signore della storia di benedire il nostro cammino e di condurre i nostri passi sulla via della pace”. La processione dei due simulacri è in programma il 29 giugno. Le iniziative della festa, invece, prenderanno il via a partire da lunedì 18 con uno spazio particolare riservato ai giovani.
Leggi tutto
TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica