Modica, il saluto del Sindaco al Vice Questore Liotti

MODICA (di Elisa Montagno) – Si è congedato, ufficialmente, da Modica e da tutto il suo territorio, il Vice Questore Aggiunto Nicodemo Liotti. L’oramai ex dirigente del Commissariato di Modica lascia l’incarico dopo 2 anni e mezzo, durante i quali, i modicani hanno potuto apprezzare le sue qualità professionali ed umane. Ad attenderlo a Palazzo S.Domenico il Sindaco Ignazio Abbate ed il Comandante della Polizia Locale, Rosario Cannizzaro. “Voglio ringraziare a nome di tutta la comunità – dichiara il Sindaco Abbate – il Vice Questore aggiunto per la preziosissima opera svolta durante la sua permanenza in Città. Insieme a lui abbiamo perfezionato i complessi dispositivi di safety e security grazie ai quali è stato possibile organizzare tantissime manifestazioni pubbliche in totale sicurezza e senza nessun incidente. Porgo a lui i migliori auguri per una luminosa prosecuzione di carriera, che lo porterà a raggiungere tutti i traguardi prestigiosi che merita”.
Leggi tutto

A RadioMaria protagonista la statua della Vergine Maria donata alla città di Modica

MODICA (di Elisa Montagno) – La donazione alla città di Modica, in particolare alla Chiesa di Santa Maria di Betlem, della statua della Vergine, per tanti anni a Lourdes, da parte di una famiglia modicana, ha destato interesse tant’è che il sindaco, Ignazio Abbate, è stato chiamato come ospite in una trasmissione sabato sera a RadioMaria, popolare emittente nazionale. Il primo cittadino ha parlato dell’importanza del simulacro, che per anni è stato venerato da milioni di fedeli in uno dei luoghi di culto della cristianità mondiale a partire dal 1858 a seguito delle apparizioni della Vergine Maria cui avrebbe assistito Bernadette. La “statua” era stata acquistata all’asta dall’ex parlamentare regionale Riccardo Minardo, il quale non ha mai reso noto questo particolare, anche se giornalmente si reca nella chiesa di Santa Maria di Betlem a pregare, e che insieme alla moglie per anni l’hanno tenuta all’interno della loro abitazione. La donazione è stata ritenuta un magnifico gesto poichè permetterà a tantissimi fedeli di poterla ammirare dal vivo.
Leggi tutto

Modica ha celebrato il 25 aprile

MODICA (di Elisa Montagno) – Con una sobria ma sentita e partecipata cerimonia il Comune ha celebrato il 74° anniversario della Liberazione dal fascismo che segnò la nascita della Repubblica, della democrazia e della Costituzione italiana.
Un 25 aprile caratterizzato dalla benedizione del monumento ai caduti, da parte di Don Antonio Forgione, di recente restaurato per iniziativa dall’amministrazione grazie al contributo gratuito di alcune imprese locali.
Un breve corteo formatosi in Piazza Principe di Napoli, guidato dal sindaco, Ignazio Abbate, dal suo vice, Rosario Viola, dall’assessore Giorgio Linguanti, dal presidente del consiglio comunale, Carmela Minioto, dai rappresentati delle forze dell’ordine, il capitano dei Carabinieri Francesco Ferrante, il primo dirigente di. Polizia, Nicodemo Liotti, dai vice comandanti della Polizia Locale, Roberto Amore e Giorgio Ruta, ha raggiunto il monumento ai Caduti.
La commemorazione è iniziata con la deposizione di una corona d’alloro al monumento ai Caduti da parte del Sindaco, Abbate e quindi un breve intervento di padre Antonio Forgione che ha poi benedetto la statua del monumento, simbolo storico del sacrificio estremo di tanti modicani caduti nella grande guerra, circa ottocento, e nel secondo conflitto mondiale, più di cento.
“Deve essere un 25 aprile che non scada nella retorica, ha esordito lo storico Giancarlo Poidomani, il monumento ai caduti è qui a dimostrare oggi, oltre il deposito di memoria che si porta dietro, l’impegno civile per la difesa dei valori della Costituzione, della Patria, per la difesa della Repubblica, della democrazia e dello Stato.
Sono tre le date che la storia ci ricorda: il 25 aprile del 1945, giorno dalla liberazione dall’oppressione del regime fascista, quando il comitato di liberazione chiamò il popolo all’insurrezione contro l’ordine costituito, il 2 di giugno del 1946, giornata della nascita della Repubblica e il 1° gennaio del 1948 con l’entrata in vigore della Costituzione italiana.
Questo monumento, ha concluso il prof. Poidomani, raccoglie la lapide dei caduti in Russia, oltre cento modicani, e due stele che ricordano lo sbarco dei canadesi in Sicilia il 10 luglio del 1943 di passaggio a Modica. Propongo al sindaco di iscrivere i nomi dei modicani caduti nel secondo conflitto mondiale in una lapide da esporre all’interno di Palazzo San Domenico.
Oggi lo Stato democratico consente a chi non è antifascista di non ricordare l’anniversario della liberazione consentendo ad un Ministro della Repubblica, che ha giurato fedeltà alla Costituzione, di andare a Corleone per ricordare invece i caduti e la lotta alla mafia. Si chiede se a parti inverse, cioè alla presenza di un regime autoritario, se fosse stato possibile commemorare il 25 aprile”.
Alla cerimonia hanno anche partecipato gli aderenti all’Unione nazionale dell’Arma dei Carabinieri e quelli dell’Associazione della Polizia locale.
Il sindaco, prima della conclusione della commemorazione del 25 aprile ha così espresso la sua riflessione:
“Dobbiamo sentire forte il ricordo verso i nostri nonni e i nostri padri che hanno lottato e si sono sacrificati per difendere, non curanti del pericolo e rischiando la vita, i valori della libertà e della democrazia. Ci sono valori che vanno di là dagli ideali politici e dalle posizioni di parte ed è un bene ricordare che oggi bisogna stringersi attorno ai principi della Costituzione italiana.
Il restaurato monumento ai caduti è il simbolo di questi valori ed è la ragione per la quale l’amministrazione ha voluto oggi caratterizzare il 74^ anniversario della liberazione.
Ringrazio le imprese che hanno gratuitamente operato per avere restaurato il monumento ai caduti, i rappresentanti delle forze dell’ordine, padre Antonio Forgione e quanti hanno voluto testimoniare con la loro presenza questo momento importante per la storia della nostra nazione”.
Leggi tutto

Modica, differenziata raggiunta quota 65%

MODICA (di Elisa Montagno) – E’ stato raggiunto il tanto atteso traguardo del 65% di raccolta differenziata a Modica. Nel mese di febbraio la percentuale di raccolta differenziata in tutto il territorio modicano ha toccato la fatidica quota che era stata fissata al momento della firma del contratto di gestione della raccolta e smaltimento dei rifiuti. “E adesso il momento di insistere – commentano il Sindaco e l’Assessore all’Ecologia – perché siamo contenti di aver raggiunto il 65% ma non certo soddisfatti. Non ci fermeremo qui ma vogliamo ancora di più incrementare questa percentuale. Indubbiamente stiamo raccogliendo i frutti di un lavoro certosino operato su più fronti, dall’informazione alla repressione dei reati. I cittadini hanno sempre di più preso consapevolezza dell’importanza di differenziare e contemporaneamente il nostro servizio di sorveglianza e controllo si dimostra particolarmente efficace. Purtroppo l’episodio criminale della scorsa settimana, quando ci è stata bruciata l’auto con all’interno l’attrezzatura informatica per le riprese dei trasgressori, è un indizio che siamo sulla strada giusta. Vuol dire che abbiamo colpito chi meritava di essere sanzionato. In questi giorni, sempre a seguito di controlli serrati, sono state tolte anche alcune agevolazioni legate al corretto utilizzo della compostiera. Una volta appurato che essa non veniva utilizzata si è scelto di sanzionare il possessore togliendogli gli sgravi sulla bolletta Tari. Sono state quindi attivate nuove postazioni dotate di telecamere (con particolare attenzione al centro storico) per la trasmissione di immagini al fine di limitare sempre di più la trasgressione delle norme vigenti in materia di raccolta differenziata. Per questo risultato raggiunto vogliamo ringraziare tutti gli addetti al servizio di raccolta rifiuti, il personale dell’Ufficio Ecologia diretto dalla dottoressa Di Rosa e gli uomini della Polizia Locale”.
Leggi tutto

Modica, Certamen Motycense al via

MODICA (di Elisa Montagno) – “La IX edizione del Certamen Mutycense sarà un’altra edizione in crescita, commenta il prof. Michele Blandino, ordinario del “Galilei- Campailla” e organizzatore dell’evento, visto che registrerà la presenza di più istituti provenienti da sette regioni italiane. Il nostro obiettivo è quello di aumentare la rappresentanza regionale sino a dieci in modo da poter qualificare il Certamen di Modica tra quelli più prestigiosi in Italia.
Degli undici attivi in Sicilia (sono sessantasei a livello nazionale) quello di Modica ha già conquistato uno spazio significativo”.
Il Certamen Mutycense, che si terrà da venerdì 29 a domenica 31 marzo, ha un tema: “La natura Ambiente e Animali”. Il programma è stato reso noto prima dell’incontro con la stampa dall’Istituto Superiore “G.Galilei – T.Campailla”, ma è noto che la competizione si baserà su traduzioni dal latino con autori che in modo evidente hanno tratto il tema.
Il programma è stato illustrato questa mattina a Palazzo San Domenico nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte il sindaco, Ignazio Abbate, l’assessore alla Cultura, Maria Monisteri, il preside dei Licei Scientifico e Classico “G.Galilei/T.Campailla”, Sergio Carrubba e il prof. Michele Blandino.
“ Modica si conferma sempre di più centro culturale di primo livello, commenta Sergio Carrubba, e questa volta grazie ad una competizione che riguarda la lingua latina e che impatta su un tema di grande attualità come l’Ambiente e la Natura. Intendo ringraziare il sindaco e l’amministrazione per avere accolto il richiesto patrocinio alla manifestazione che è ormai un fiore all’occhiello della città considerato che investe il territorio e le sue meraviglie”.
Il tema che sarà proposto nelle traduzioni è quello di indagare e comprendere quale fosse la coscienza degli antichi in riferimento alla tutela dell’ambiente e alla cura degli animali. Capire insomma quale fosse il grado di sensibilità su temi come questi.
La testimonial dell’evento, infatti, è quella Licia Colò, volto televisivo assai noto nelle trasmissioni come “Alle Falde del Kilimangiaro”, “Niagara” e “Il mondo Insieme”.
“Modica con questo evento punta ad andare oltre le meraviglie del Barocco e lo fa attraverso una competizione a base di traduzione dal latino che richiama, dichiara Maria Monisteri, nostre antiche e prestigiose tradizioni oltre che di istituti pubblici anche di ambiti culturali di antichissimo lignaggio in città. Questa iniziativa ha anche un impatto sul territorio visto si svilupperanno visite guidate a Cava Ispica e a Cava dei Servi che l’amministrazione intende valorizzare come si conviene”.
I vincitori delle tre sezioni del Certamen Motycense parteciperanno all’ottava edizione delle Olimpiadi nazionali delle Lingue e Civiltà classiche che si terranno dal 6 al 9 maggio p.v. al Liceo classico “Tommaso Campanella” di Reggio Calabria.
“La manifestazione ha un suo grande valore culturale e quindi di immagine per una città come Modica, ammette il Sindaco, perché misura il pregio dell’offerta formativa e quanti vi partecipano testimoniando l’importanza per gli studi classici che la nostra comunità tiene da sempre in grande considerazione.
L’amministrazione ha sempre creduto in questo progetto e lavora perché venga sempre più reso noto. Le escursioni riservate agli studenti partecipanti riguardano tra l’altro due siti importanti come Cava Ispica e Cava dei Servi; quest’ultima sarà oggetto di nostre attenzioni perché intendiamo valorizzarla. Questa è un’ulteriore occasione per fare conoscere la città a livello nazionale e grazie ad una forte e convinta sinergia tra la Scuola e l’Istituzione Pubblica cittadina.”
Il Certamen Mutycense prevede per venerdì 29 marzo alle 14.30 la gara di tradizione al palazzo degli studi; sabato 30 marzo alle ore 9.00 un percorso naturalistico nei dintorni di Modica e quindi alle 18.00 un incontro con gli esperti all’Auditorium “Pietro Floridia”; sabato 31 marzo alle ore 9.00 cerimonia di premiazione al Teatro Garibaldi con Licia Colò e quindi una performance artistica “L’A-MORE” con Fatima Palazzolo e i Piccoli Musici.
Nell’evento è prevista anche la realizzazione di un documentario che porterà la firma di Alessandro Antonino, marito di Licia Colò, un’artista napoletano particolarmente legato alla natura e all’ambiente. Alessandro Antonino, collabora alla trasmissione “Il Mondo Insieme” che vede come conduttrice Licia Colò realizzando reportage: oltre a raccontare il mondo, accompagna i telespettatori alla scoperta delle bellezze del nostro Paese.
Il tutto facendo attenzione al nuovo modo di viaggiare di oggi, sensibile all’eco-sostenibilità, alla tolleranza e al risparmio. Dal 7 al 13 aprile prossimi una troupe televisiva sarà a Modica per girare nel nostro territorio e in particolare a Cava Ispica e a Cava dei Servi.
Leggi tutto

Modica festeggia la sua Miss Europa

MODICA (di Elisa Montagno) – Miss Europa Sharon Lorefice ha incontrato il sindaco di Modica, Ignazio Abbate, che l’ha omaggiata con un mazzo di fiori per complimentarsi ufficialmente a nome della Città per il prestigioso traguardo raggiunto. Si è aperta così la serata organizzata ieri in un noto locale modicano per celebrare la vittoria della 17enne modicana nel popolare concorso di bellezza. La sala, gremita di amici e parenti, ha tributato ad una emozionatissima “Miss” il giusto tributo per quello che ha fatto. La sua bellezza, i suoi riccioli hanno conquistato la giuria che le ha consegnato fascia e corona. “Ci tenevo ad essere presente – ha dichiarato il Primo Cittadino – perché il risultato raggiunto dalla nostra concittadina meritava un festeggiamento particolare. Oltre alla bellezza, quella è sotto gli occhi di tutti, Sharon ha vinto anche per come è dentro, per il suo acume e per la sua intelligenza. Le auguro la migliore carriera possibile in questo campo che ha scelto per il suo futuro. E naturalmente i complimenti vanno anche ai genitori per come l’hanno saputa crescere ed educare”.
Leggi tutto

Modica, Chiesa del Castello dei Conti: finanziato il suo restauro

MODICA (di Elisa Montagno ) – Ben 1.350.000 euro, in aggiunta a quelli già stanziati ed utilizzati, per completare la ristrutturazione del Castello dei Conti. E’ un residuo finanziamento del PO-FERS 2007-2013 che il Dipartimento Regionale del Turismo ha concesso al Comune di Modica per usarlo in particolare per la ristrutturazione della chiesetta all’interno del cortile d’ingresso e per le carceri sotterranee. I lavori cominceranno non appena verrà emanato l’apposito decreto. Attualmente nell’antico maniero dei Conti di Modica sono in corso i lavori che riguardano la torre dell’orologio, i giardini e la scalinata d’accesso. “Grazie a questo ulteriore finanziamento – commenta il Sindaco Abbate – metteremo a posto anche l’ultimo tassello dell’intervento di ristrutturazione cui è stato sottoposto uno dei nostri monumenti più importanti e visitati. Da quando, grazie anche alla collaborazione delle associazioni di volontariato come la Protezione Civile ed il Movimento Azzurro, è stato riaperto dopo anni di chiusura ed abbandono, il Castello dei Conti è stato visitato da svariate migliaia di visitatori provenienti da ogni parte del Mondo. Ristrutturando la chiesa e i sotterranei arricchiremo il monumento di altri motivi di interesse che attireranno ancora più visitatori”.
Leggi tutto

Freddo a Modica, Abbate: la prevenzione evita spiacevoli conseguenze

MODICA (di Elisa Montagno) – “Gli ultimi giorni abbiamo affrontato un’ondata di gelo inusuale che ha fatto scendere vertiginosamente il termometro. Per contrastare gli effetti che queste temperature possono provocare soprattutto sulle nostre strade abbiamo messo in campo, già dalla scorsa settimana, una serie di interventi volti a garantire una circolazione veicolare quanto più sicura possibile”. A parlare è il Sindaco di Modica, Ignazio Abbate, che interviene sull’opera di prevenzione dei rischi da strade ghiacciate che il Comune ha organizzato nei giorni scorsi e per i giorni a venire. “Forti dell’esperienza del capodanno 2015 e di quello che è successo per la circolazione, quest’anno abbiamo deciso di prevenire qualsiasi rischio. Una volta avuto notizie sull’abbassamento drastico delle temperature abbiamo organizzato un massiccio spargimento di sale lungo tutte le principali arterie del nostro territorio, tenendo sempre in stato di allarme un’apposita squadra pronta all’evenienza e al bisogno. E i risultati si sono visti. Nonostante i gradi sotto zero e le gelate, in particolare notturne, nessun problema è stato riscontrato dagli automobilisti. I fondi stradali hanno retto bene e tutto è andato per il meglio. Nei prossimi giorni, durante i quali secondo le previsioni le temperature si abbasseranno ulteriormente, continuerà questa opera costante di monitoraggio e prevenzione del rischio. L’intenzione è quella di scongiurare il ripetersi di scene come quelle del capodanno 2015 quando uscimmo d’urgenza in soccorso dei tanti automobilisti rimasti in panne dentro la loro auto”.
Leggi tutto

Incontro augurale dei membri del Comitato di quartiere Sacro Cuore di Modica

MODICA (di Elisa Montagno) – Il comitato di quartiere Sacro Cuore di Modica ha colto l’occasione, giorno 31 dicembre per fare gli auguri di buon 2019 a tutti i membri che numerosi sono accorsi all’incontro pomeridiano. Orgogliosi dell’ancora fresca costituzione, il comitato ringrazia il sindaco Ignazio Abbate, gli assessori ai servizi sociali, allo sport e spettacolo e tutta la giunta che hanno mandato i loro graditissimi auguri. Il comitato ricambia gli auguri di un buon fine-inizio anno augurando a tutta la giunta e al consiglio comunale un buon lavoro per il 2019.
Leggi tutto

Modica, i cento anni di Carmelo Alecci

MODICA (di Elisa Montagno) – Una vita passata a contatto con la natura mangiando i prodotti della propria terra. Potrebbe essere questo il segreto della longevità di Carmelo Alecci, arrivato ieri a tagliare l’importante traguardo dei 100 anni in perfetta forma e circondato dagli affetti dei propri cari, in primis dell’amata moglie Rosa che ha 10 anni in meno di lui ma altrettanta vitalità. Insieme alla inossidabile coppia anche i due figli Giuseppe e Rosario con le rispettive consorti e con una nutrita schiera di nipoti e pronipoti. A presenziare anche il Sindaco di Modica, Ignazio Abbate, che conosce il signor Alecci da sempre. “Una festa molto significativa per me – commenta il primo cittadino – perché il signor Alecci mi conosce da quando ero bambino. L’ho sempre visto lavorare instancabilmente e questo potrebbe essere il segreto per essere arrivato in queste condizioni a questa età. A lui e alla sua splendida famiglia i migliori auguri per questo compleanno”. Il signor Alecci ha lavorato per anni nei campi e amava girare per la città con il suo amato Garelli. Ad aiutarlo anche la moglie che si è sempre divisa tra la casa ed il lavoro in campagna. Qualche anno fa ha avuto problemi di salute che sembravano insormontabili ma grazie alla sua tenacia ed alla sua perseveranza ha superato anche questi ed oggi ha come obiettivo partecipare alle festa per i 100 anni della moglie come lui stesso ha ricordato durante la festa.
Leggi tutto
TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica