Nessuna regione rossa, la nuova mappa del Covid

ROMA (ITALPRESS) – Gran parte dell’Italia resta in area gialla. Sicilia e Sardegna restano in arancione, stesso colore a cui passa la Valle d’Aosta che lascia così il rosso. Queste, a partire dal lunedì 10 maggio, le principali novità della mappa a colori dell’Italia alle prese con l’emergenza Covid così come “disegnata” dalle nuove ordinanze firmate dal ministro della Salute Roberto Speranza sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia del 7 maggio. La prima ordinanza classifica in area arancione la Val d’Aosta, la seconda rinnova la zona arancione per la Sicilia e la terza porta in zona gialla Basilicata, Calabria e Puglia. Complessivamente, quindi, la ripartizione delle Regioni e Province Autonome nelle diverse aree in base ai livelli di rischio a partire da domani è la seguente: zona arancione Valle d’Aosta, Sicilia e Sardegna; zona gialla Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Provincia autonoma di Bolzano, Provincia autonoma di Trento, Puglia, Toscana, Umbria e Veneto.

(ITALPRESS).

spf/red

09-Mag-21 08:30

Fonte: Italpress

Leggi tutto

Berrettini batte Ruud, è in finale al Masters 1000 di Madrid

MADRID (SPAGNA) (ITALPRESS) – Il sogno di Matteo Berrettini prosegue: è finale al “Mutua Madrid Open”, terzo Masters 1000 stagionale, dotato di un montepremi pari a 2.614.465 euro, che si sta disputando sulla terra battuta della “Caja Magica” della capitale spagnola. Sul “Manolo Santana Stadium” il 25enne romano, numero 10 del mondo e ottavo favorito del seeding, riesce ad avere la meglio sul norvegese Casper Ruud: 6-4 6-4 il finale dopo un’ora e 22 minuti di gioco.

Berrettini, che finora aveva battuto solo una volta Ruud a fronte di due sconfitte (l’ultima nei quarti degli scorsi Internazionali), affronterà domani per il titolo Alexander Zverev, capace di eliminare prima Nadal e poi Thiem: il tedesco ha battuto Berrettini nel 2018 a Roma e nel 2019 nella semifinale di Shanghai (fino ad oggi il miglior risultato dell’azzurro in un Masters 1000), di contro l’allievo di Vincenzo Santopadre si è imposto al Foro Italico due anni fa. Il numero uno azzurro andrà a caccia del quinto titolo nel circuito maggiore, il secondo stagionale dopo quello ottenuto un paio di settimane fa a Belgrado.

(ITALPRESS).

(ITALPRESS).

glb/red

08-Mag-21 22:40

Fonte: Italpress

Leggi tutto

Vlahovic trascina la Fiorentina, battuta la Lazio 2-0

FIRENZE (ITALPRESS) – La Fiorentina vince 2-0 contro la Lazio allo stadio Franchi, nella 35esima giornata di Serie A. Vlahovic è il mattatore dei viola: il serbo sigla la sua doppietta personale al 32′ del primo tempo e all’89’ in chiusura, mettendo una bella ipoteca sulla salvezza. Rammarico per i biancocelesti, che subiscono un duro colpo nella lotta per la Champions. Le due squadre arrivavano alla partita di Firenze con obiettivi opposti. Il match è acceso sin dal principio con un’occasione per parte a infiammare il gioco: il colpo di testa di Bonaventura, non abbastanza angolato; la conclusione di Correa, sventata dal miracolo di Dragowski a salvare la porta. La Lazio è anche sfortunata, Immobile centra l’ennesimo palo (ma era in fuorigioco) e qualche minuto dopo è Milenkovic a sbarrargli il passaggio. Al 32′ però è la Fiorentina a sbloccare il risultato per merito di Vlahovic, che deve solo spingere in rete l’1-0 servito dall’assist di Biraghi. La squadra di Inzaghi non smette di attaccare e va vicina al pareggio con il colpo di testa di Milinkovic-Savic, ma trova un altro grande intervento del portiere viola, che poi si ripete nuovamente sull’ennesima chance capitata sui piedi di Immobile. I padroni di casa, prima di chiudere il primo tempo, erano andati vicini a raddoppiare con Pulgar: provvidenziale la deviazione di Acerbi. Nella ripresa la Lazio continua ad attaccare con forza, senza rendersi realmente pericolosa in area avversaria, mentre la squadra di Iachini protegge il risultato. Anzi, insiste per chiudere il match e al 65′ la manona di Reina salva sul solito Vlahovic, il migliore in campo. Il serbo suggella l’ottima prestazione con la doppietta personale all’89’ a chiudere definitivamente i conti con un colpo di testa su calcio d’angolo. Espulso nel finale Pereira per doppia ammonizione. Una vittoria importante per la Fiorentina che può tirare un sospiro di sollievo sulla zona retrocessione. La Lazio invece compromette la sua rincorsa a un posto in Champions.

(ITALPRESS).

spf/glb/red

08-Mag-21 22:47

Fonte: Italpress

Leggi tutto

Passerella e goleada per l’Inter, 5-1 alla Samp

MILANO (ITALPRESS) – L’Inter festeggia il 19esimo Scudetto con una goleada per 5-1 sulla Sampdoria nell’anticipo della trentacinquesima giornata di Serie A. Giornata di festa per i nerazzurri accolti dai tifosi nel pre partita e celebrati dalla classica passerella dei blucerchiati all’ingresso in campo. Conte tocca quota 200 panchine in Serie A e cambia sei elementi rispetto alla formazione schierata contro il Crotone nell’ultimo turno: spazio a D’Ambrosio, Ranocchia, Young, Vecino oltre a Gagliardini e Alexis Sanchez che si prendono la scena con tre gol e un assist nel primo tempo: due del cileno, uno dell’azzurro che sblocca il risultato dopo appena 4′. Da un errore di Augello, nasce un’azione corale che porta alla spaccata vincente in area di Gagliardini, al terzo sigillo in questo campionato. Prima giocata da protagonista per l’ex Atalanta che al 26′ dà il via al 2-0 con un movimento tra le linee e un assist perfetto per Alexis Sanchez che a tu per tu con Audero non sbaglia. Alla prima occasione però la Sampdoria va in gol e lo fa con gli ex al 35′: Candreva, da cross dalla sinistra, impatta male col pallone, Handanovic legge male il tiro e respinge sui piedi di Keita Balde che a botta sicura e con la porta a disposizione non sbaglia. Ma è solo un episodio perchè un minuto dopo l’Inter torna a +2: Hakimi crossa in area, Sanchez con una conclusione chirurgica firma il 3-1. Nella ripresa, Ranieri stravolge la squadra con quattro cambi: fuori Jankto, Thorsby, Tonelli e Ramirez; dentro Damsgaard, Verre, Yoshida, Ekdal. Due sostituzioni ma importanti per Conte che dà minutaggio a Radu e Pinamonti. E al 62′ c’è spazio anche per il classe 1999 nel tabellino: iniziativa del neo entrato Barella e palla dentro per Pinamonti che aggancia e fa 4-1. Risultato ancora più rotondo al 70′: Adrien Silva devia col braccio in area un tiro di Barella, l’arbitro col Var indica il dischetto e dagli undici metri Lautaro non sbaglia per il definitivo 5-1.

(ITALPRESS).

spf/glb/gm/red

08-Mag-21 19:56

Fonte: Italpress

Leggi tutto

Coronavirus, 10.176 nuovi casi e 224 decessi nelle ultime 24 ore

ROMA (ITALPRESS) – Sono 10.176 i nuovi casi di Coronavirus in Italia (ieri 10.554) a fronte di 338.436 tamponi effettuati su un totale di 60.871.018 da inizio emergenza. È quanto si legge nel bollettino del Ministero della Salute – Istituto Superiore di Sanità di oggi. Nelle ultime 24 ore sono stati 224 i decessi, che portano il totale di vittime da inizio pandemia a 122.694. Con quelli di oggi diventano 4.102.921 i casi totali di Covid in Italia. Attualmente i positivi sono 390.120 (-7.444), 372.110 le persone in isolamento domiciliare. I ricoverati in ospedale con sintomi sono 15.799 di cui 2.211 in Terapia intensiva. I dimessi/guariti sono 3.590.107 con un incremento di unità 17.394 nelle ultime 24 ore.

La regione con il maggior numero di nuovi casi nelle ultime 24 ore è la Lombardia (1.584), seguita da Campania (1.415), Lazio (999), Puglia (979) ed Emilia-Romagna (875).

(ITALPRESS).

spf/mgg/red

08-Mag-21 17:51

Fonte: Italpress

Leggi tutto

Ganna vince la crono di Torino e indossa la maglia rosa

Il corridore del team Ineos Grenadiers ha preceduto di 10″ Edoardo Affini, a lungo in testa.

TORINO (ITALPRESS) – Filippo Ganna è la prima maglia rosa dell’edizione numero 104 del Giro d’Italia. Nella cronometro di 8.6 km tra le vie di Torino, il corridore del team Ineos Grenadiers comanda la classifica con il tempo di 8’47” e si aggiudica la prima tappa, esattamente come lo scorso anno. Il campione del mondo precede Edoardo Affini di 10 secondi e Tobias Foss di 13. Ai piedi del podio Joao Almeida (Deceuninck, +17″), a lungo maglia rosa nell’edizione del 2020, bene anche Remco Evenepoel al rientro dopo 9 mesi (settimo, +19″). Al decimo posto anche Gianni Moscon, distante 23″ da Ganna, mentre Vincenzo Nibali ha chiuso con 41″ di ritardo. Domani la seconda tappa, con il gruppo che coprirà 179 chilometri di un percorso che prevede la partenza da Stupinigi (Nichelino) e l’arrivo a Novara.

(ITALPRESS).

gm/red

08-Mag-21 17:22

Fonte: Italpress

Leggi tutto

Orsolini risponde a De Paul, Udinese-Bologna finisce 1-1

UDINE (ITALPRESS) – Un pareggio per 1-1 che accontenta tutti quello maturato alla Dacia Arena tra Udinese e Bologna, con entrambe le squadre che raggiungono quota 40 punti, chiudendo definitivamente la questione salvezza. Friulani avanti con De Paul nel primo tempo, pari degli emiliani nella ripresa con un rigore di Orsolini. All’8′ il primo squillo è di marca Bologna con Vignato, ma il suo destro si spegne sul fondo. Quattro minuti dopo è ancora il talento ex Chievo a rendersi pericoloso, ma anche in questo occasione il suo tentativo non trova la porta. Il match si sblocca poco dopo, al 23′, ma è l’Udinese a trovare la via della rete col solito De Paul, abile a far secco Skorupski dopo una bella azione personale. Per l’argentino eguagliato il suo record di reti in una sola stagione: nove. Al 31′ è ancora il trascinatore bianconero a mettere paura alla difesa del Bologna, ma Skorupski è attento. La reazione dei felsinei arriva a pochi secondi dal termine del primo tempo, ma Musso si esalta e dice di no prima a Soriano e poi a Palacio. Nella ripresa subito occasione per la squadra di Mihajlovic che sfiora ancora il pari con un violento destro violento dalla distanza di Tomiyasu, prima, e poi con un colpo di testa di Soumaoro. I felsinei attaccano con insistenza e l’Udinese si difende bene, fin quando all’80’ è Musso a far cadere in area Palacio e per Santoro è calcio di rigore. Dal dischetto va Orsolini che non sbaglia. Nei minuti finali girandola di cambi: Udinese-Bologna 1-1.

(ITALPRESS).

mra/gm/red

08-Mag-21 17:06

Fonte: Italpress

Leggi tutto

Napoli travolgente al Picco, 4-1 allo Spezia

LA SPEZIA (ITALPRESS) – Il Napoli travolge lo Spezia per 4-1 nell’anticipo della 35^ giornata ed ottiene tre punti importanti nella corsa alla qualificazione alla prossima Champions League. I partenopei archiviano la pratica già nel primo tempo grazie ad uno scatenato Osimhen e si riscattano dopo il mezzo passo falso contro il Cagliari. Si prospetta un finale di stagione complicato invece per lo Spezia, invischiato nella lotta salvezza e bisognoso di punti. Pronti via e partenopei subito in vantaggio al 15′ con Zielinski. Grande azione del Napoli, che vede Politano premiare la sovrapposizione di Di Lorenzo, il quale a sua volta serve il polacco, solo in area e bravo a battere Provedel con un destro potente. Al 23′ arriva già il raddoppio. Contropiede fulminante della squadra di Gattuso, con Osimhen che corre in campo aperto e, a tu per tu con il portiere avversario, non sbaglia. Il Napoli continua a dominare un primo tempo giocato alla perfezione e, prima del duplice fischio di Irrati, c’è persino tempo per il 3-0. Il solito Osimhen approfitta di una distrazione della difesa avversaria e cala il tris sugli sviluppi di un calcio di punizione. Dopo un silent check del Var, il gol viene convalidato ed il nigeriano può festeggiare la doppietta personale nonché la doppia cifra in campionato. Lo Spezia accorcia le distanze al 64′ con il neo entrato Piccoli, che si fa trovare pronto sulla respinta di Meret e firma il tap-in vincente. Il Napoli, tuttavia, chiude definitivamente i giochi al 79′. Dopo i due gol, Osimhen s’improvvisa assistman e serve Lozano, il quale da due passi non sbaglia. Anche in questo caso bisogna attendere il check del Var, ma la rete è valida. Il Napoli vince e convince, da rivedere lo Spezia.

(ITALPRESS).

spf/ari/gm/red

08-Mag-21 16:58

Fonte: Italpress

Leggi tutto

Pole n.100 per Hamilton, Ferrari in seconda fila con Leclerc

MONTMELÒ (SPAGNA) (ITALPRESS) – Centesima pole position in carriera per Lewis Hamilton. Al Gran Premio di Spagna sarà il pilota britannico della Mercedes a partire dalla prima casella raggiungendo l’incredibile traguardo delle 100 pole. In prima fila anche la Red Bull di Max Verstappen, staccato di appena 36 millesimi, mentre è terza l’altra Mercedes di Valtteri Bottas (+0″132), che sarà affiancato in seconda fila dalla Ferrari di un ottimo Charles Leclerc. A seguire Esteban Ocon (Alpine) e l’altra Rossa di Carlos Sainz, settimo Daniel Ricciardo (McLaren), ottavo Sergio Perez (Red Bull), nono Lando Norris (McLaren) e decimo Fernando Alonso (Alpine). Fuori dalla top-10 entrambi i piloti Aston Martin, Lance Stroll (11°) e Sebastian Vettel (13°), di mezzo l’Alpha Tauri di Pierre Gasly (per la prima volta in stagione escluso dal Q3). Quattordicesimo l’italiano Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo), seguono George Russell (Williams), Yuki Tsunoda (Alpha Tauri), Kimi Raikkonen (Alfa Romeo), Mick Schumacher (Haas), Nicholas Latifi (Williams) e Nikita Mazepin (Haas) a chiudere la griglia di partenza.

(ITALPRESS).

spf/glb/gm/red

08-Mag-21 16:23

Fonte: Italpress

Leggi tutto

Draghi”Coordinamento Ue su diritti,accelerare su vaccini e green pass”

OPORTO (ITALPRESS) – Lavoro e diritti sociali, ma anche vaccini e Green Pass. Questi i temi al centro della seconda giornata del premier Mario Draghi ad Oporto, dove il presidente del Consiglio ha partecipato alla Riunione informale dei Capi di Stato e di Governo e alla videoconferenza del Vertice UE-India. Ieri, invece, Draghi era intervenuto al Porto Social Summit, organizzato dalla Presidenza portoghese del Consiglio dell’Unione europea, e in serata la cena di lavoro informale dei Membri del Consiglio europeo. “Abbiamo chiesto con molta enfasi che Commissione e Parlamento Europeo procedano con la massima rapidità alla definizione del ‘Green Certificate’, per avere un modello europeo unico su cui confrontarsi. Perché se ogni Paese attua misure diverse in merito al turismo, ci sarà confusione”, ha evidenziato il presidente del Consiglio nel corso della conferenza stampa finale. “Stiamo esaminando i dati, sono abbastanza incoraggianti, sia per quanto riguarda le vaccinazioni, che per i contagi e le vittime. – ha detto ancora Draghi – Queste sono conseguenze delle misure intraprese. Se l’andamento dovesse proseguire così, ovviamente la Cabina di Regia procederà ad altre riaperture. Io, come tutti gli italiani, voglio riaprire, ma bisogna farlo in sicurezza”. E sempre in tema di Covid, sul tema del giorno, la liberalizzazione dei brevetti sui vaccini, il premier italiano ha precisato: “Liberalizzare i brevetti, seppur temporaneamente, non garantisce la produzione dei vaccini. Quest’ultima è molto complessa, richiede tecnologia, specializzazione, organizzazione. Inoltre la produzione deve essere sicura, e la liberalizzazione dei brevetti non garantisce questa sicurezza. Prima di arrivare alla liberalizzazione bisognerebbe fare cose più semplici, tipo rimuovere il blocco alle esportazioni, e accelerare la produzione attraverso il trasferimento tecnologico e l’individuazione di nuovi siti”. Sul tema centrale della due giorni di Oporto, lavoro e diritti sociali, infine, Draghi ha ricordato: “Questo momento rappresenta la fine di un lungo viaggio nel campo della tutela dei diritti sociali. Ci sono voluti quattro anni per poter portare tutto il Consiglio europeo a condividere una prima forma di coordinamento dei mercati del lavoro e dei diritti sociali. Credo che non sarebbe stato possibile se il Regno Unito fosse ancora stato membro dell’Ue, visto che si era tenacemente opposto, ritenendola un’area di esclusiva competenza nazionale”.

(ITALPRESS).

spf/mgg/red

08-Mag-21 16:08

Fonte: Italpress

Leggi tutto
TELERADIO REGIONE S.R.L., società a socio unico soggetta a direzione e coordinamento della Filgest srl, 97015 Modica – S.P. 74 km 0+400 C.da Cava Gucciardo – C.F. e P.IVA 00209070895 – Capitale Sociale Euro 2.255.000 i.v. - CCIAA / REA Ragusa 110483 – Testata Giornalistica igiornalidisicilia.it nr. 3/2012 del 26.04.2012 Tribunale di Modica